mercoledì, 28 Settembre 2022
More
    HomeOpereDiego VelázquezVenere allo specchio

    Venere allo specchio

    1645

    Pennellata dopo pennellata, Velázquez dipinge la dea dell’amore sdraiata sul suo letto su lenzuola di raso; Venere si guarda allo specchio sorretto da Cupido e il suo riflesso è sfocato. Possiamo solo indovinare chi è la personificazione dell’amore.

    Velázquez ritrae la bellezza come qualcosa di incompiuto. È la nostra immaginazione, ei nostri gusti soggettivi, che devono completarla.

    Due cose spiccano soprattutto in questo dipinto: le curve, presenti sia nei tessuti che nel corpo della dea, creano un dialogo sensuale; e il fatto che il pittore barocco riutilizzi gli specchi, aprendo così la composizione all’infinito. Il risultato è una profondità sorprendente .

    Il lavoro ha avuto una chiara influenza sui fan di Velázquez e può essere visto, ad esempio, in Olympia di Manet o ne la Maja Desnuda di Goya .

    Nel 1914, la suffragista Mary Richardson pugnalò l’opera 7 volte per protestare contro l’arresto di un collega. Fortunatamente, la Venere è stata ripristinata con successo.

    Articolo precedenteOlympia
    Articolo successivoFrancisco de Goya

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,941FansMi piace
    76FollowerSegui
    38FollowerSegui