lunedì, 26 Settembre 2022
More
    HomeOpereFrederic LeightonUn atleta che lotta con un pitone

    Un atleta che lotta con un pitone

    1877

    Questo nudo in bronzo “Un atleta che lotta con un pitone” è a grandezza naturale, di proprietà della Tate Collection, è stata la prima delle sculture esposte di Leighton, rappresentando un movimento relativamente tardo ma estremamente influente in quel mezzo. 

    Con il corpo in bilico e teso, l’atleta afferra il serpente con entrambe le mani, una davanti e una dietro, stringendogli il collo appena sotto la testa. Il pitone, da parte sua, si avvolge strettamente attorno agli arti e al busto dell’atleta e chiude gli occhi con lui, la bocca aperta come se sibilasse al suo avversario.

    Il puro senso di forza fisica, bellezza e dinamismo che trasuda questa scultura è stato sufficiente per lanciare un intero movimento, noto come Nuova Scultura. 

    Entro la seconda metà del diciannovesimo secolo, il mezzo della scultura era considerato serio e obsoleto, un’opinione espressa in particolare dal critico d’arte e poeta francese Charles Baudelaire

    L’opera di Leighton, nel suo trattamento naturalistico del corpo umano e nel revival di motivi classici, è stata vista come una sorta di resurrezione, che ha portato allo sviluppo di un nuovo stile scultoreo sensibile ai movimenti pittorici contemporanei come il simbolismo e il naturalismo, e che combina esotico e soggetto mitologico con forme umane iperrealistiche. 

    Il tema del combattimento ha permesso a Leighton di portare un nuovo senso di motilità ed energia al corpo scultoreo, in contrasto con il calmo riposo percepito della statuaria classica. C’è azione e movimento anche per lo spettatore, come scrive il critico di scultura David Getsy, la torsione del pitone attorno alla gamba dell’atleta incoraggia lo spettatore a girare all’infinito attorno alla statua, portandola così in vita.

    Il corpo del serpente guida anche lo sguardo in un tour erotico a spirale del fisico dell’atleta, sfiorando e comprimendo zone erogene come la coscia e i genitali. 

    In effetti, l’interpretazione comune dell’opera come allegoria del trionfo della volontà umana sull’animale si presta a un’altra lettura queer. È stato suggerito, cioè, che l’atleta stia lottando con la sua sessualità, il modo in cui maneggia il serpente è un’allusione visiva alla masturbazione.

    Articolo precedenteFrederic Leighton
    Articolo successivoIl pigro

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,910FansMi piace
    74FollowerSegui
    39FollowerSegui