1840-1880 – Realismo

Sebbene non sia mai stato un gruppo coerente, il realismo è riconosciuto come il primo movimento moderno nell’arte, che ha rifiutato le forme tradizionali di arte, letteratura e organizzazione sociale in quanto superate sulla scia dell’Illuminismo e della Rivoluzione Industriale. 

A partire dal 1840 in Francia, il realismo rivoluzionò la pittura, ampliando le concezioni di ciò che costituiva l’arte. Lavorando in un’era caotica segnata dalla rivoluzione e dal diffuso cambiamento sociale, i pittori realisti hanno sostituito le immagini idealistiche e le concezioni letterarie dell’arte tradizionale con eventi della vita reale, dando ai margini della società un peso simile ai dipinti e alle allegorie della grande storia. 

La loro scelta di portare la vita quotidiana nelle loro tele è stata una prima manifestazione dell’avanguardiail desiderio di fondere arte e vita, e il loro rifiuto delle tecniche pittoriche, come la prospettiva, hanno prefigurato le molte definizioni e ridefinizioni del modernismo del XX° secolo.

Fatti e Curiosità

  • Il realismo è ampiamente considerato l’inizio dell’arte moderna. Letteralmente, ciò è dovuto alla sua convinzione che la vita quotidiana e il mondo moderno fossero soggetti adatti all’arte. Filosoficamente, il realismo ha abbracciato gli obiettivi progressisti del modernismo, cercando nuove verità attraverso il riesame e il ribaltamento dei tradizionali sistemi di valori e credenze.
  • Il realismo si occupava di come la vita era strutturata socialmente, economicamente, politicamente e culturalmente a metà del 19 ° secolo. Ciò ha portato a rappresentazioni inflessibili, a volte “brutte” dei momenti spiacevoli della vita e all’uso di tavolozze oscure e terrose che si confrontavano con gli ideali di bellezza finali dell’arte superiore.
  • Il realismo è stato il primo movimento artistico esplicitamente antiistituzionale e anticonformista. I pittori realisti hanno preso di mira i costumi e i valori sociali della borghesia e della monarchia su chi ha patrocinato il mercato dell’arte. Sebbene continuassero a presentare opere ai Saloni dell’Accademia d’Arte ufficiale , non disdegnavano di organizzare mostre indipendenti per mostrare con aria di sfida il loro lavoro.
  • Dopo l’esplosione della stampa di giornali e dei mass media sulla scia della rivoluzione industriale, il realismo ha introdotto una nuova concezione dell’artista come auto-pubblicistaGustave CourbetÉdouard Manet e altri hanno intenzionalmente amato polemiche e utilizzato i media per aumentare la loro celebrità in un modo che continua tra gli artisti fino ad oggi.

Artisti Significativi

Opere significative