lunedì, 26 Settembre 2022
More

    Olympia

    1863

    Rappresentando una prostituta di classe inferiore, l’Olympia di Manet mette a confronto lo spettatore borghese con una realtà nascosta, ma ben nota. 

    1863 - Édouard Manet - Oympia - Musée d'Orsay, Parigi (Francia)
    1863 – Édouard Manet – Oympia – Musée d’Orsay, Parigi (Francia)

    Volutamente provocatorio, ha scioccato gli spettatori del Salon del 1865. I riferimenti di Olimpia alla Venere di Urbino di Tiziano (1538) e alla Maja Desnuda di Goya (1799-1800) si adattano facilmente al tradizionale genere “boudoir”, tuttavia culminano in un ritratto piuttosto informale e individuale di una donna che non si vergogna del suo corpo. 

    Si pensa comunemente che Olympia sia una rappresentazione pittorica di passaggi della famosa raccolta di poesie di Baudelaire chiamata Les Fleurs du Mal (1857). Ad esempio, Manet include piuttosto apertamente un gatto nero, che simboleggia la sessualità e la prostituzione accresciute, un simbolo tipicamente baudelariano.

    Articolo precedenteVenere di Urbino
    Articolo successivoVenere allo specchio

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,910FansMi piace
    74FollowerSegui
    39FollowerSegui