lunedì, 26 Settembre 2022
More

    Nudo contorto

    1915

    Il nudo è quel genere artistico (considerato da molti il ​​soggetto più importante dell’arte occidentale), accademico, tollerato nelle opere d’arte, ma non nella vita reale. Possiamo entrare in un museo e vedere nudi ovunque, ma curiosamente non possiamo andare nudi… non sarebbe accettabile.

    Quella complessità è forse ciò che associa il nudo all’erotismo, al proibito, ma nell’arte, dove ci sono certe licenze, serviva anche all’essere umano come forma di conoscenza di sé, o per esprimere un ideale di bellezza (ricordate i greci ). Ecco perché il nudo spazia dagli aspetti più terreni a quelli più spirituali.

    1915 - Anders-Zorn - Nudo-Contorto
    1915 – Anders-Zorn – Nudo-Contorto

    Lo svedese Ander Zorn iniziò a dipingere i suoi famosi nudi femminili durante il suo soggiorno a Parigi. Il genere del nudo aveva ripreso vigore con l’Impressionismo e fu soprattutto Degas ad avviare un sottogenere all’interno del nudo: la toilette, cioè le donne in bagno che effettuano la propria igiene personale.

    La nudità come questa è vista sia come banale che ideale. Questo non è qualcosa di contraddittorio, ma qualcosa di normale. Zorn dipinge un nudo placido e pacato, in perfetta unione con la natura, sebbene in un appartamento parigino bohémien. Non è il nudo ideale di una dea, ma c’è qualcosa di divinità in quei volumi di carne. È un serio studio accademico e allo stesso tempo una scaramuccia di un voyeur.

    Di tanto in tanto torna ad essere un argomento tabù, ma una cosa è chiara: il nudo non passa di moda come i vestiti.

    SourceHA

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,910FansMi piace
    74FollowerSegui
    39FollowerSegui