mercoledì, 28 Settembre 2022
More
    HomeLe biografieMichelangelo Buonarroti

    Michelangelo Buonarroti

    1475–1564

    Michelangelo Buonarroti o Michelangelo era un uomo rinascimentale: architetto, pittore e poeta, eccezionale in tutti questi campi. Ma ovviamente la sua passione, la sua vocazione, la sua ossessione era la scultura.
    Michelangelo è stato uno dei più grandi artisti nella storia dell’arte universale, e non solo per le sue sculture, ma anche per la sua straordinaria opera pittorica.

    Fu ammirato in vita dai suoi contemporanei, che lo chiamarono il Divino e trionfò in tutte le commissioni che gli furono affidate. La sua ossessione per la perfezione lo costrinse a non consegnare mai qualcosa di mediocre, e sia a Firenze che a Roma re e papi si innamorarono della sua arte, anche se alcuni attriti furono certamente vissuti a causa della spiccata personalità di Michelangelo. Diceva papa Giulio II : «è impossibile parlare con lui…».

    Michelangelo Buonarroti
    Michelangelo Buonarroti

    Fin da piccolo sapeva di voler fare l’artista, cosa che a suo padre non piaceva affatto. A quei tempi il mestiere dell’artista non aveva il prestigio che aveva in altri tempi, ma alla fine il suo talento permise a Lorenzo il Magnifico di invitarlo ad abitare nel suo palazzo/scuola. Lì si distinse dagli altri, soprattutto da un altro allievo, Pietro Torrigiano, che, stufo di insulti e umiliazioni per il coraggio di firmare opere così brutte, gli diede un pugno e ruppe il naso a Michelangelo. “Ora porterà la mia firma fino al giorno della mia morte.” Ecco perché nei ritratti di Michelangelo l’artista ha sempre il naso piatto.

    Il fatto è che nessuno contestava che Michelangelo fosse un genio… Nonostante fosse un maiale… Mentre Leonardo era gentile e molto pulito, Michelangelo era l’opposto: sempre sporco, vestito da mendicante e che emetteva un insopportabile odore. «Era come stare con un cadavere» affermavano gli assistenti della Cappella Sistina. Secondo l’artista, fare il bagno faceva male alla salute.
    Inoltre, il suo linguaggio era coerente con il suo aspetto: “Su 10 parole, 5 erano imprecazioni”, hanno detto.

    La sua arte era conosciuta in tutta Italia e presto i potenti vollero avere la sua opera. Michelangelo realizzò sculture prodigiose e affreschi stupefacenti, tutti capolavori indiscutibili che gli consentirono di avere una vita molto confortevole, e fu anche in grado di viverla come voleva.

    Omosessuale, ebbe non pochi amanti, tra cui alcuni suoi discepoli come Tommaso Cavalieri che lasciò addirittura moglie e figli per stabilirsi nella sua bottega. Usava sempre gli uomini come modelli, la figura femminile lo disgustava. Anche per le sue donne usava gli uomini… Forse è per questo che i corpi sono così muscolosi.
    Quando Michelangelo morì all’età di 88 anni, Cavalieri era ai piedi del suo letto.

    Opere significative

    Bacco

    Bacco

    Questa statua di Bacco raffigura il dio romano del vino precariamente in equilibrio su una roccia, in stato di ebbrezza. Indossa […]

    Articolo precedenteL’urlo
    Articolo successivoRaffaello Sanzio

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,941FansMi piace
    76FollowerSegui
    38FollowerSegui