lunedì, 26 Settembre 2022
More
    HomeOpereLezione di anatomia del Dr. Nicolaes Tulp - Rembrandt

    Lezione di anatomia del Dr. Nicolaes Tulp – Rembrandt

    La corporazione dei chirurghi commissiona questo ritratto di gruppo a un giovanissimo Rembrandt.

    Il dottor Nicolaes Tulp mostra ai suoi colleghi, durante una lezione di anatomia, i tendini del braccio di un certo Adriaan Adriaanszoon, 41 anni, che era stato impiccato quello stesso giorno per aver rubato una tunica sotto la minaccia di una pistola. Rembrandt è incaricato di immortalare il criminale, che passerà alla storia come il protagonista di uno dei dipinti più famosi della storia dell’arte.

    Tulp, l’anatomista ufficiale della città, consentiva solo una dissezione pubblica all’anno (meglio in inverno, per preservare bene il corpo), così questi tipi di atti diventavano veri e propri spettacoli che sfioravano il teatro di varietà. In effetti, queste lezioni di anatomia si tenevano nei teatri, frequentate da studenti, colleghi e pubblico in generale, in cambio del pagamento di un biglietto.

    Lezione di anatomia del dottor Tulp è un dipinto a olio su tela (169,5x216,5 cm) realizzato da Rembrandt nel 1632 - firmato e datato REMBRANDT F 1632 - Oggi l'opera è conservata al Mauritshuis dell'Aia
    Lezione di anatomia del dottor Tulp è un dipinto a olio su tela (169,5×216,5 cm) realizzato da Rembrandt nel 1632 – firmato e datato REMBRANDT F 1632 – Oggi l’opera è conservata al Mauritshuis dell’Aia

    Insieme a Tulp sono rappresentati i chirurghi Jacob Blok, Hartman Hartmanszoon, Adraen Slabran, Jacob de Witt, Mathijs Kalkoen, Jacob Koolvelt e Frans Van Loenen. Non che fossero eminenze. Conosciamo i loro nomi dalla lista che uno di loro ha in mano e sono stati loro a pagare questo giovane artista olandese di 26 anni per fare un ritratto di gruppo, come una fotografia attuale di una cena aziendale o di una squadra di calcio.

    Chi di voi sa qualcosa di anatomia dovrebbe applaudire l’accuratezza con cui Rembrandt dipinge muscoli e tendini. Sappiamo che l’artista conosceva bene il suo talento e la modestia non era una delle sue peculiarità (l’autoritratto era uno dei suoi generi preferiti…).

    Nell’angolo in alto a sinistra lo scrive molto chiaramente: REMBRANDT. F[ecita]: 1632. La solita cosa era firmare con le iniziali e basta.

    Articolo precedenteLa parabola del ricco stolto
    Articolo successivoLeonardo da Vinci

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,910FansMi piace
    74FollowerSegui
    39FollowerSegui