martedì, 29 Novembre 2022
More
    HomeRaccolta iconograficaLe sirene nella storia dell'arte

    Le sirene nella storia dell’arte

    Autori Vari

    L’Odissea (in greco antico Ὀδυσσεία / Odusseía) è un’epopea greca antica attribuita al bardo Omero , che l’avrebbe composta dopo l’Iliade, verso la fine dell’VIII secolo a.C. È considerato uno dei massimi capolavori della letteratura e, con l’Iliade, uno dei due poemi fondatori della civiltà europea.

    L’Odissea racconta il ritorno in patria dell’eroe Ulisse , il quale, dopo la guerra di Troia in cui ebbe un ruolo decisivo, impiega dieci anni per tornare nella sua isola di Itaca , per ritrovarvi la moglie Penelope e suo figlio Telemaco. Durante il suo viaggio per mare, reso pericoloso dall’ira del dio Poseidone , Ulisse incontra molti personaggi mitologici, come la ninfa Calipso, la principessa Nausicaa, i Ciclopi, la maga Circe e le Sirene .

    L’epopea contiene anche una serie di episodi che completano il racconto della guerra di Troia, ad esempio la costruzione del cavallo di Troia e la caduta della città, che non sono menzionati nell’Iliade. L’Odissea ha ispirato un gran numero di opere letterarie e artistiche nel corso dei secoli, e il termine “odissea” è diventato un sostantivo comune (narrativo di…) “un viaggio più o meno movimentato e pieno di avventure singolari”.

    Le Sirene

    Secondo la tradizione omerica, le Sirene sono divinità marine che stanno all’ingresso dello Stretto di Messina in Sicilia. 
    Musicisti dotati di un talento eccezionale, sedussero i navigatori che, attratti dagli accenti magici, delle loro cetre e flauti persero il senso dell’orientamento, fracassando le loro barche sugli scogli dove furono divorate da queste incantatrici.

    Sono descritti nel canto XII dell’Odissea come sdraiati nell’erba ai margini della riva circondati dai “mucchi di ossa e dalla carne secca degli uomini che fecero perire”.

    Le sirene erano rappresentate, presso i Greci, con “corpo di uccello e testa di donna, e mai con corpo di pesce come nei miti nordici”. Tuttavia, va notato che Omero non fa allusione alle donne uccello. Il testo sembra persino suggerire che stia pensando a donne normali in piedi in riva al mare.

    La natura ibrida della sirena, metà donna e metà uccello è spiegata dalla mitologia come una punizione che le collega al mondo sotterraneo. Un’altra spiegazione per la loro metamorfosi attribuisce la causa alla rabbia di Afrodite. La Dea dell’Amore li adornò di gambe e piume pur conservando i loro volti da ragazze perché si erano rifiutati di dare la loro verginità a un Dio oa un mortale.

    Ed ecco la galleria di opere d’arte dedicate al mito delle Sirene:

    « di 3 »
    Articolo precedenteI cavalli nella storia dell’arte
    Articolo successivoIl rapimento di Psiche

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    2,124FansMi piace
    244FollowerSegui
    61FollowerSegui