martedì, 29 Novembre 2022
More
    HomeOpereCaravaggioLa crociffissione di S.Pietro

    La crociffissione di S.Pietro

    1601
    Basilica Santa Maria del Popolo, Roma (Italia)

    La Crocifissione di san Pietro è un dipinto di Caravaggio, in olio su tela (230×175 cm), realizzato tra il 1600 ed il 1601. L’opera è conservata nella Cappella Cerasi di Santa Maria del Popolo a Roma.

    Attualmente non riusciamo ancora a farci un’idea della rivoluzione che la pittura di Caravaggio abbia significato nei primi anni del Seicento. L’arte in quel momento si stava già orientando in un’altra direzione, ma Caravaggio seguì la sua, per questo i classicisti bollarono l’artista come “l’Anticristo della pittura”.

    Cogliamo il momento in cui i tre carnefici romani stanno per collocare il martire con i piedi in su e la testa in giù, secondo il volere dello stesso san Pietro, poiché secondo le fonti il ​​santo non si sentiva degno di essere crocifisso come Gesù

    Nonostante l’assenza di sangue, il nostro protagonista non è esente da dolore, ma è un dolore più spirituale che altro. Non sappiamo da dove viene la luce, ma illumina violentemente il viso e il corpo. Il culto delle ombre sullo sfondo aiuta a mettere in risalto la drammaticità della scena.

    1601 - Caravaggio - La crocifissione di S. Pietro - Basilica Santa Maria del Popolo, Roma (Italia)
    1601 – Caravaggio – La crocifissione di S. Pietro – Basilica Santa Maria del Popolo, Roma (Italia)

    Luci e ombre dominavano metaforicamente la vita di Caravaggio. Carattere violento, tormentato e assiduo frequentatore delle osterie della periferia romana. Nonostante facesse pittura religiosa, Caravaggio unì la sua vita oscura con personaggi benedetti. Nel 1606, nell’opera “La morte della Vergine”, Caravaggio dipinge la madre di Dio prendendo a modello una prostituta, e questo evento è alimentato anche dal fatto che potrebbe trattarsi di una prostituta morta, ma qui entriamo già in un circolo speculativo.

    In precedenza la crocifissione di un santo sarebbe stata rappresentata con la dignità dovutagli, tuttavia, Caravaggio rende i tre carnefici protagonisti, mostrando uno sforzo penoso per sollevare il corpo; tre ubriachi che sollevano da terra il futuro Santo ancora più sfinito. Tutto è sordido come la sbarra di un bar romano del 1600, scuro come i piedi di chi porta la croce sulle spalle.

    SourceHA
    Articolo precedenteIl disinganno
    Articolo successivoLa morte della Vergine

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    2,124FansMi piace
    244FollowerSegui
    61FollowerSegui