lunedì, 26 Settembre 2022
More
    HomeOpereVincent Van GoghLa cortigiana (da Eisen)

    La cortigiana (da Eisen)

    1887 Vincent van Gogh nutrì nella sua vita un amore accanito per l'arte giapponese, che proprio verso la fine dell'Ottocento iniziò ad affluire massicciamente in Europa grazie all'apertura dei porti nipponici all'Occidente.

    Il titolo dell’opera è Giapponeseria: Oiran ed è un dipinto del pittore olandese Vincent van Gogh, realizzato nel 1887 e conservato al Van Gogh Museum di Amsterdam.

    Mentre era a Parigi, Van Gogh è stato esposto a una miriade di stili artistici, comprese le xilografie giapponesi Ukiyo-e. Queste stampe furono rese disponibili in Occidente solo a metà del 19° secolo. 

    1887 - Vincent van Gogh - Giapponeseria (Oiran) - Van Gogh Museum
    1887 – Vincent van Gogh – Giapponeseria (Oiran) – Van Gogh Museum di Amsterdam

    Van Gogh collezionava opere di maestri ukiyo-e giapponesi come Hiroshige e Hokusai e affermava che queste opere erano importanti quanto le opere di artisti europei, come Rubens e Rembrandt

    Van Gogh è stato ispirato per creare questo particolare dipinto da una riproduzione di una stampa, ritraente una cortigiana, di Keisai Eisen apparsa sulla copertina del maggio 1886 della rivista Paris Illustré

    Van Gogh ingrandisce l’immagine della cortigiana di Eisen, collocandola su uno sfondo dorato contrastante delimitato da un lussureggiante giardino acquatico basato sui paesaggi di altre stampe di sua proprietà. Questo particolare giardino è popolato da rane e gru, entrambe allusioni alle prostitute nello slang francese. 

    Mentre le caratteristiche stilistiche esibite in questo dipinto, in particolare i contorni forti e scuri e le strisce luminose di colore, arrivarono a definire lo stile maturo di Van Gogh, egli fece anche sua l’opera. 

    Lavorando con la pittura piuttosto che con una xilografia, Van Gogh è stato in grado di ammorbidire il lavoro, facendo affidamento su pennellate visibili per dare dimensione alla figura e all’ambiente circostante, oltre a creare una tensione dinamica sulla superficie non presente nelle stampe originali.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,910FansMi piace
    74FollowerSegui
    39FollowerSegui