sabato, 1 Ottobre 2022
More

    La bella Rafaela

    1927
    Lo stile del dipinto ricorda un'opera di Caravaggio nella sua enfasi di luci e ombre. Ma in questo quadro drammatico, l'attenzione si concentra sulla forma potente, sensuale e scultorea della figura femminile nuda. Le curve formose di Rafaela hanno sia una bellezza che una forza per cui Lempicka è più famosa.

    Si dice che Lempicka abbia trovato una nuova modella per i suoi dipinti, la bella Rafaela, nel Bois de Boulogne, un grandissimo parco pubblico di Parigi che era anche il luogo in cui spesso le prostitute offrivano i loro servizi. Conosciuta solo da noi spettatori, come “Rafaela“, è diventata la musa e il soggetto principale dei dipinti di Lempicka per oltre un anno.

    In quel momento l’artista era a Parigi, e passeggiando per una delle sue strade un giorno vide che tutti si fermavano ad osservare una donna che camminava davanti a lei. La Lempicka la raggiunse e si voltò per tornare indietro. “Era la donna più bella che avessi mai visto… enormi occhi neri, bocca sensuale, bel corpo. Mi sono alzata e le ho detto: ‘Madmoiselle, io sono una pittrice e vorrei che tu venissi a posare per me. Vuoi farlo?’ Ha solo detto: ‘Sì, perché no?'”

    Il giorno dopo Rafaela si è presentata nello studio di de Lempicka ed è così che è nato questo fantastico dipinto Art-Deco, insieme ad altre sei opere realizzate in questo folle decennio di jazz, champagne e sesso sfrenato.

    1927 - Tamara de Lempicka - La bella Rafaela
    1927 – Tamara de Lempicka – La bella Rafaela

    Era la Parigi degli anni ’20, dove a causa della guerra le persone sentivano che tutte le regole seguite erano state vane, e improvvisamente si sentivano autorizzate a fare cose che prima dovevano nascondere.

    Il rapporto tra l’artista e la modella era uno di questi.

    Rafaela è sdraiata, forse riposando dopo una notte d’amore. L’ illuminazione cade sul modello amplificandone i volumi. Lo sfondo è scuro, come uno dei dipinti barocchi che Lempicka ammirava.

    Le uniche note di colore sono date dalle labbra rosse, e quel tessuto che non copre troppo il nudo della bella Rafaela, oltre alla firma dell’artista nell’angolo in alto a sinistra.

    Articolo precedenteGli spaccapietre
    Articolo successivoL’Angelus

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,989FansMi piace
    86FollowerSegui
    40FollowerSegui