mercoledì, 28 Settembre 2022
More
    HomeLe biografieJean-Auguste-Dominique Ingres

    Jean-Auguste-Dominique Ingres

    1780-1867

    Con un’audace miscela di tecnica tradizionale e sensualità sperimentale, Jean-Auguste-Dominique Ingres ha reinventato fonti classiche e rinascimentali per i gusti del XIX° secolo. 

    Disegnatore di talento noto per la sua linea sinuosa e per le trame illusionistiche rese impeccabilmente, è stato al centro di una versione rinnovata dell’antico dibattito: la linea o il colore è l’elemento più importante della pittura? 

    Eppure Ingres non ha sempre avuto successo; i suoi esperimenti con l’astrazione del corpo e l’introduzione di soggetti più esotici ed emotivamente complessi hanno guadagnato aspre critiche all’inizio della sua carriera. 

    In verità, il suo lavoro è meglio inteso come un ibrido tra neoclassicismo e romanticismo. Fu solo come contraltare al più drammatico Romanticismo di Eugène Delacroix che Ingres venne ampiamente accettato come difensore della pittura tradizionale e del classicismo.

    Jean-Auguste-Dominique Ingres, Autoritratto (1806); olio su tela, 77 × 64 cm, Musée Condé.
    Jean-Auguste-Dominique Ingres, Autoritratto (1806); olio su tela, 77 × 64 cm, Musée Condé.

    Fatti e Curiosità

    • Uno degli studenti più talentuosi nello studio di Jacques Louis David, Ingres trovò presto il successo, vincendo l’ambito Prix de Rome solo al suo secondo tentativo. Tuttavia, mentre Jean-Auguste-Dominique Ingres rifletteva sempre lo stile classico associato a David, complicò l’eredità del suo maestro distorcendo le sue figure e scegliendo narrazioni che rompevano con gli esempi morali del suo insegnante.
    • Alla ricerca di forme più belle e linee armoniose, Ingres spinse l’astrazione del corpo oltre l’idealismo del Neoclassico. Ha astratto le sue figure, anche discostandosi dalla plausibile costruzione del corpo, per enfatizzare i contorni aggraziati e un piacevole effetto visivo. Questo nuovo livello di libertà incoraggerebbe altri artisti a prendersi delle libertà con la forma umana, da Renoir (che secondo quanto riferito era infatuato di Ingres) ai surrealisti del 20° secolo .
    • Nonostante le sue trasgressioni, rispetto alle pennellate pittoriche e alle tavolozze brillanti dei romantici, come Eugène Delacroix, Jean-Auguste-Dominique Ingres era indubbiamente legato alla tradizione classica e allo stile accademico. A metà dell’Ottocento giunse a rappresentare i Poussinistei quali ritenevano che la qualità cerebrale della linea tracciata fosse più critica per un dipinto, contrariamente ai Rubenisti, che prediligevano l’impatto emotivo del colore. In qualità di difensore della tradizione, Ingres ha aggiornato gli ideali rinascimentali per l’era moderna, in particolare lavorando sul modello di Raffaello.

    Opere significative

    Articolo precedenteLa Maja Desnuda
    Articolo successivoLa grande Odalisca

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,941FansMi piace
    76FollowerSegui
    38FollowerSegui