lunedì, 26 Settembre 2022
More
    HomeOpereSalvador DalìIl Grande masturbatore

    Il Grande masturbatore

    Dalí dipinse questa tela alla fine dell'estate del 1929. Aveva trascorso alcuni giorni con Gala, avevano fatto romantiche passeggiate sulla spiaggia parlando di traumi infantili, surrealismo e coprofilia e inevitabilmente nacquero amori adulteri, cambiando radicalmente le loro vite.

    Il grande masturbatore è un dipinto di Salvador Dalí, eseguito nel 1929. L’opera è conservata al Museo nacional centro de arte Reina Sofía di Madrid, per volere stesso dell’artista.

    Al centro del pezzo c’è un grande volto umano distorto che guarda un paesaggio, una scena familiare di costa rocciosa che ricorda la casa di Dalí in Catalogna. Una figura femminile nuda che rappresenta la nuova musa ispiratrice di Dalí, Gala, si alza dalla testa, simbolo del tipo di fantasia che un uomo evocherebbe mentre è impegnato nella pratica suggerita dal titolo. 

    La sua bocca vicino all’inguine di un maschio suggerisce una fellatio imminente mentre sembra letteralmente “tagliato” alle ginocchia da cui sanguina, segno di una sessualità soffocata. Altri motivi nel dipinto includono una cavalletta – un faro coerente per l’ansia sessuale nel lavoro di Dalí, formiche – elusione al decadimento e alla morte e un uovo – che rappresenta la fertilità.

    Il dipinto può rappresentare gli atteggiamenti fortemente conflittuali di Dalí nei confronti del rapporto sessuale e la sua fobia per tutta la vita dei genitali femminili proprio nello spaccato dell’incontro e dell’innamoramento di Gala. 

    Quando era un ragazzino, il padre di Dalí gli ha mostrato un libro di foto esplicite che dimostravano gli orribili effetti delle malattie veneree, perpetuando le associazioni traumatiche del sesso con la morbilità e la putrefazione nella sua mente. 

    Si dice che Dalí fosse vergine quando incontrò Gala e che in seguito incoraggiò sua moglie ad avere altre relazioni per soddisfare i suoi desideri sessuali. 

    Più tardi nella vita, quando i suoi dipinti si sono rivolti a temi religiosi e filosofici, Dalí ha propagandato la castità come una porta verso la spiritualità. Questo dipinto è stato paragonato a Il giardino delle delizie di Bosch.

    Articolo precedenteSalvador Dalì
    Articolo successivoMorbida costruzione con fagioli bolliti

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,910FansMi piace
    74FollowerSegui
    39FollowerSegui