martedì, 27 Settembre 2022
More

    Gluck

    1895-1978

    Hannah Gluckstein era conosciuta con il nome di Gluck, semplice, sofisticata e androgina come la stessa pittrice. Ha sfidato non solo l’arte (non è mai appartenuta a nessun movimento, corrente artistica o scuola), ma anche a nessuno dei ruoli di genere della sua classe e del suo tempo. Vestiva sempre con abiti maschili ed era apertamente lesbica, cosa che illustrava di volta in volta nella sua pittura eterogenea.

    Hannah Gluckstein è nata in una ricca famiglia ebrea inglese, ma i suoi genitori hanno sempre lottato con la vocazione della figlia. Ciononostante pagarono la scuola d’arte della ragazza ea 21 anni le diedero un vitalizio con il quale poteva dedicarsi all’arte senza pensieri.

    1942 - Hannah Gluckstein Gluck - Autoritratto
    1942 – Hannah Gluckstein Gluck – Autoritratto

    Gli piacevano le donne e visse con molte per tutta la vita, senza nascondersi in un armadio. Al contrario: Gluck ha letteralmente tirato fuori tutto il suo guardaroba per feste, eventi e mostre in cui è apparsa vestita da uomo. Sebbene fosse conosciuta come Gluck nella sfera pubblica, preferiva che la sua cerchia ristretta di amici la chiamasse Peter.

    Ma Gluck era una donna, consapevole della lotta per esserlo nel mondo dell’arte, e forse per questo ha adottato la sua immagine androgina.

    Come la sua identità, l’arte di Gluck è difficile da definire: si rifiutava di identificarsi con uno stile artistico o una scuola particolare. Con 32 opere che vanno dai paesaggi ai dipinti floreali, la sua arte dà la priorità ai dipinti stessi rispetto a qualsiasi materiale biografico o contestuale.

    Il suo ruolo pionieristico nello sfidare gli stereotipi di genere ha portato all’idea che l’arte di Gluck sia ribelle, qualcosa che non è evidente in alcune delle sue opere, nonostante il suo chiaro rifiuto di conformarsi a uno stile o movimento.

    Opere significative

    Medaglione

    Medaglione

    Hannah Gluckstein un giorno divenne semplicemente Gluck, senza prefisso, suffisso o virgolette. Un nome ambiguo, sofisticato e androgino come la stessa pittrice. Gluck dipinge ciò che […]

    Articolo precedenteLa bellezza rivelata
    Articolo successivoPrima della gara

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,941FansMi piace
    76FollowerSegui
    38FollowerSegui