martedì, 27 Settembre 2022
More
    HomeLe biografieEdvard Munch

    Edvard Munch

    Nato: 12 dicembre 1863 - Loten, Norvegia
    Morto: 23 gennaio 1944 - Oslo, Norvegia

    Edvard Munch era un artista prolifico ma perennemente tormentato, preoccupato per questioni di mortalità umana come malattie croniche, liberazione sessuale e aspirazione religiosa. 

    Ha espresso queste ossessioni attraverso opere di colore intenso, semi-astrazione e soggetti misteriosi. Dopo il grande trionfo dell’impressionismo francese, Munch adottò la sensibilità più grafica e simbolista dell’influente Paul Gauguin, e a sua volta divenne uno degli artisti più controversi e infine famosi tra una nuova generazione di pittori espressionisti e simbolisti continentali

    Munch raggiunge la maturità nel primo decennio del 20° secolo, durante l’apice del movimento dell’Art Nouveau e la sua caratteristica sarà quella di focalizzarsi su tutte le cose organiche, evolutive e misteriosamente istintive. 

    In linea con questi motivi, ma allontanandosi decisamente dalle loro applicazioni decorative, Munch arriva a trattare il visibile come se fosse una finestra su una psicologia umana non completamente formata, se non fondamentalmente inquietante.

    Edvard Munch nel 1926
    Edvard Munch nel 1926

    Fatti e Curiosità

    • Edvard Munch è cresciuto in una famiglia periodicamente afflitta da malattie potenzialmente letali e dalla morte prematura di sua madre e sua sorella, il tutto spiegato dal padre di Munch, un fondamentalista cristiano, come atti di punizione divina. Questa potente matrice di eventi tragici casuali e la loro interpretazione fatalistica hanno lasciato un’impressione per tutta la vita nel giovane artista e hanno contribuito in modo decisivo alla sua preoccupazione per i temi dell’ansia, della sofferenza emotiva e della vulnerabilità umana.
    • Munch intendeva che i suoi colori intensi, la semi-astrazione e i temi misteriosi, spesso aperti, fungessero da simboli di significato universale. Così i suoi disegni, dipinti e stampe assumono la qualità di talismani psicologici: avendo avuto origine dalle esperienze personali di Munch, hanno comunque il potere di esprimere, e forse alleviare, la condizione emotiva o psicologica di qualsiasi spettatore.
    • La frequente preoccupazione nel lavoro di Munch per l’argomento sessuale deriva sia dalla valutazione bohémien dell’artista del sesso come strumento per la liberazione emotiva e fisica dal conformismo sociale, sia dal fascino dei suoi contemporanei per l’esperienza sessuale come finestra sulle sfaccettature subliminali, a volte più oscure della psicologia umana.
    • In un senso simile al suo quasi contemporaneo Vincent van Gogh, Munch si è sforzato di registrare una sorta di matrimonio tra il soggetto osservato nel mondo che lo circonda e la sua percezione psicologica, emotiva e/o spirituale.

    Opere significative

    La Madonna

    La Madonna

    Contemporanea a L‘Urlo, la Madonna di Munch è resa con pennellate più morbide e pigmenti relativamente tenui. Munch raffigura la Vergine Maria in un modo che sfida tutte le precedenti rappresentazioni “storiche” (dal naturalismo dell’era rinascimentale al realismo del XIX secolo) della casta madre di […]

    L’urlo

    L’urlo

    Il significato di L’urlo di Munch negli annali dell’arte moderna non può essere sopravvalutato. Si trova in un gruppo esclusivo, tra cui Notte stellata di Van Gogh (1889), Les Demoiselles d’Avignon di Picasso (1907) e Studio rosso di Matisse (1911), che comprende le opere per eccellenza dell’esperimento modernista e […]

    Notte a S. Cloud

    Notte a S. Cloud

    Se Il bambino malato è un omaggio amorevole alla sorella prediletta di Munch, Johanne Sophie, Notte a S.Cloud è un memoriale molto più complesso e più oscuro del padre dell’artista morto l’anno precedente.  Creato non molto tempo dopo l’arrivo di Munch a Parigi, Night […]

    Il bambino malato

    Il bambino malato

    Il bambino malato (The Sick Child) è una delle prime opere di Munch, considerata dall’artista “una svolta” per aver dato il tono alla sua prima carriera in cui morte, perdita, ansia, follia e le preoccupazioni di un’anima turbata erano il suo […]

    Articolo precedenteIl peccato
    Articolo successivoIl bambino malato

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,941FansMi piace
    76FollowerSegui
    38FollowerSegui