sabato, 1 Ottobre 2022
More
    HomeOpereGustave CourbetDonna con calze bianche

    Donna con calze bianche

    1864
    Un decennio prolifico per Gustave Courbet, quello degli anni 60 dell'Ottocento. Con il Sonno e L'origine del mondo (che potete trovare qui nel blog) rompe tutti gli schemi e dipige il nudo femminile senza scusa alcuna, che sia questa mitologica, religiosa o storica.

    La donna con le calze bianche è un dipinto ad olio su tela dipinto da Gustave Courbet nel 1864 e conservato presso la Barnes Foundation di Filadelfia.

    Tradizionalmente, i pittori europei rendevano decoroso il soggetto nudo presentandolo come parte di una narrativa mitologica edificante; in “Donna con calze bianche” Courbet distrugge quella finzione. 

    1864 - Gustave Courbet - Donna con calze bianche - Fondazione Barnes
    1864 – Gustave Courbet – Donna con calze bianche – Fondazione Barnes

    Il nudo non è Venere o Diana, ma piuttosto una prostituta che si prepara all’atto. Il contenuto sessuale dell’immagine è schietto: i suoi genitali sono completamente scoperti, anzi posti esattamente al centro della composizione, e ci sono diversi indizi che alludono al tema della prostituzione. 

    I vestiti sembrano scartati frettolosamente sullo sfondo, e lei guarda seducente una presenza invisibile – presumibilmente il cliente – che sembra in piedi o seduto di fronte a lei. 

    Il sentiero davanti a lei è consumato, forse inteso metaforicamente. L’esposizione grafica dei genitali suggerisce che Courbet lo abbia realizzato come una commissione privata. Dipinse molti di questi dipinti esplicitamente sessuali durante gli anni ’60 dell’Ottocento.

    La storia della proprietà di donna con calze bianche non è nota, ma è probabile che un privato lo abbia commissionato al pittore. Secondo l’iscrizione autografa, l’opera sarebbe stata donata da Courbet al suo amico Pierre-Auguste Fajon. Albert Barnes acquistò il dipinto dal mercante Henri Barbazanges nel 1926. Fu la prima opera licenziosa del pittore, che nello stesso decennio realizzò Il sonno (1866) e L’Origine du monde (1866). È simile alle fotografie erotiche che vengono poi scattate nei bordelli e di cui Courbet ha una collezione.

    Articolo precedenteLa sorgente
    Articolo successivoBallo al Moulin de la Galette

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,989FansMi piace
    86FollowerSegui
    40FollowerSegui