lunedì, 26 Settembre 2022
More

    Castello di carte

    1919

    Non capiremo mai perché un artista della statura di Zinaida Serebryakova, vero tesoro della pittura russa, non sia conosciuto per come e quanto dovrebbe.

    Forse è proprio il fatto che è russo (nemico dell’Occidente per gran parte del 20° secolo), o forse perché è stata la stessa Unione Sovietica a voltargli le spalle dopo la rivoluzione del 1917 (subì persino il sequestro di tutti i suoi beni e l’arresto del marito, morto in carcere), o probabilmente, come al solito, il fatto che Serebryakova fosse una donna.

    1919 - Zinaida Serebyakova - Castello di carte
    1919 – Zinaida Serebyakova – Castello di carte – Museo di Stato Russo, S. Pietroburgo

    Alla morte del marito, la povera Zinaida si ritrova senza risorse economiche e con i quattro figli che compaiono in questo dipinto. Qui li rappresenta nel suo caratteristico stile da costumista (lo abbiamo già visto nella sua “colazione“) ma se vogliamo essere simbolisti, è evidente che questo castello di carte è un buon simbolo dell’instabilità che esisteva all’epoca.

    L’espressione dei bambini è piuttosto seria, quasi triste… ricordiamoci che erano appena rimasti orfani. Ma come si vede, l’opera racchiude una grande bellezza che esprime in fondo il sentimento di una famiglia unita.

    Tragicamente, la famiglia alla fine si sciolse quando il pittore andò a Parigi per cercare di guadagnarsi da vivere in altri mercati d’arte. A causa della burocrazia rivoluzionaria, la pittrice avrebbe impiegato decenni per rivedere i suoi quattro figli.

    SourceHA
    Articolo precedenteLE 3 OPERE CONTEMPORANEE PIÙ SCANDALOSE
    Articolo successivoJavier Arizabalo

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,910FansMi piace
    74FollowerSegui
    39FollowerSegui