sabato, 1 Ottobre 2022
More
    HomeLe biografieAnnibale Carracci

    Annibale Carracci

    3 novembre 1560 - Bologna, Italia
    15 luglio 1609 - Roma, Italia

    Sebbene fosse un tipo piuttosto umile e senza pretese, Annibale Carracci emerse come uno dei pittori più dinamici e rispettati dell’Italia della fine del Cinquecento. 

    È riconosciuto quasi universalmente come la figura più importante nel passaggio tra il manierismo e il barocco. Resistendo alle lusinghe estetiche dello stile artificiale ed eccessivamente elaborato del primo, Carracci promosse un ritorno al sottile naturalismo praticato in precedenza da artisti del calibro di TizianoTintorettoVeronese e Correggio

    Prima di affermarsi come artista a pieno titolo, Carracci ha collaborato a stretto contatto con il fratello Agostino e il cugino Ludovico. Come collettivo – noto come “I Carracci” – i tre uomini fondarono un’Accademia nella loro città natale, Bologna, attraverso la quale promuovevano l’elaborazione di modelli dal vivo e discussioni su questioni teoriche che influenzano la pratica e la storia dell’arte. 

    Come collettivo, i Carracci assunsero insieme importanti incarichi pubblici. Incoraggiati da un giovanile idealismo socialista, i tre uomini rifiutarono di prendersi il merito individuale del loro lavoro: “È dei Carracci: ce l’abbiamo fatta tutti” proclamava Annibale al termine della loro più nota commissione per Palazzo Fava. 

    In uno stile pionieristico che trasuda elementi di naturalismo e classicità con figure reali e vivida colorazione veneziana, i Carracci hanno contribuito a lanciare Bologna come centro per la pittura barocca del 17° secolo.

    Annibale, Ludovico e Agostino Carracci
    Annibale, Ludovico e Agostino Carracci

    Fatti e curiosità

    • Sebbene giustamente considerato un padre fondatore del raffinato stile barocco, l’opera di Carracci comprende opere più aspre, umanistiche, che riflettono i suoi umili inizi bolognesi. In dipinti come La bottega del macellaio e Il mangiatore di fagioli, ha usato pennellate rotte per conferire un’autenticità artigianale ai dipinti che celebravano la vita ordinaria dei lavoratori e dei negozianti locali.
    • A Carracci è stato attribuito il merito di aver permesso alla pittura di collocarsi accanto alla scultura nella sua capacità di rappresentare un figurativismo intenso e corposo. In opere come la sua Pietà (1600 ca.), fondeva il sobrio realismo, per il quale era già noto, con toni dinamici del chiaroscuro che infondevano alle sue figure religiose corporee una presenza spirituale tridimensionale.
    • Carracci sincronizzò tutte le sue influenze sui suoi affreschi più famosi, compresi quelli per Palazzo Farnese a Roma. In questo lo vediamo portare sottili sfumature di chiaroscuro a toni naturali della carne per distinguere i singoli personaggi all’interno delle sue narrazioni espansive. I suoi personaggi sono quindi collocati in ambientazioni che sono di eguale misura nella raffinatezza dei loro dettagli. È stata la sua capacità di creare composizioni così complete che alla fine gli ha portato il meritato riconoscimento universale.

    Opere significative

    Altre opere

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertising

    POST PIù LETTI

    SCELTI PER VOI

    SIAMO SOCIAL

    1,989FansMi piace
    86FollowerSegui
    40FollowerSegui