1854-1920 – Giapponismo

Il giapponismo, spesso indicato anche con il termine francese japonisme, si riferisce all’incorporazione dell’iconografia o dei concetti dell’arte giapponese nell’arte e nel design europei. Raffigurando il mondo attraverso una lente alternativa del Rinascimento occidentale, l’introduzione dell’arte e del design giapponese in Europa ha portato a rivoluzioni nella composizione, nella tavolozza e nello spazio prospettico. È importante notare che questa integrazione era spesso basata sulle nozioni europee della cultura giapponese tanto quanto sull’autentica influenza. La maggior parte degli artisti impressionisti e neoimpressionisti , così come i membri del movimento estetico, furono profondamente influenzati da questo nuovo approccio alla rappresentazione.

Fatti e curiosità

  • Quando il Giappone iniziò il commercio con l’Europa, l’estetica e le filosofie del design giapponese divennero rapidamente di moda. I collezionisti europei accumulavano sia oggetti d’arte di fascia alta che stampe economiche (che in realtà erano originariamente incluse come materiale da imballaggio per fragili beni di lusso).
  • Gli artisti che cercavano una nuova alternativa alla tradizione rinascimentale della pittura illusionistica sono stati attratti dai colori vividi e dalle nuove prospettive delle xilografie giapponesi Ukiyo-e. Sebbene queste immagini siano rimaste realistiche, le loro tavolozze semplificate, i punti di vista insoliti, le disposizioni minimaliste e lo spazio appiattito hanno ispirato i pittori europei a sperimentare le loro composizioni.
  • Studiando le stampe giapponesi, i pittori iniziarono a sperimentare nuove idee di prospettiva. Hanno copiato le giustapposizioni comuni di oggetti vicini e lontani, insieme a ritagli non convenzionali per creare composizioni meno simmetriche e più coinvolgenti. Questo, combinato con motivi luminosi di colori giustapposti, spesso resi su piani piatti che ricordano le stampe a blocchi di legno, ha creato un effetto di appiattimento che è diventato centrale nella pittura modernista.
  • Il fascino del giapponismo era paradossale: era sia apprezzato per il suo esotismo che rapidamente assimilato come espressione organica degli ideali artistici occidentali. Si riteneva che elementi dello stile giapponese esprimessero la sensibilità francese e britannica, anche quando rimanevano identificabili come influenze asiatiche.

Artisti significativi

Opere significative